Con i ceci il benessere e servito

Aggiungi ai preferiti

  • Stampa

I ceci sono legumi di origine antichissima.

I ceci sono legumi di origine antichissima. Al tempo degli Egiziani erano il pasto povero degli schiavi, mentre i Romani adoravano cibarsene friggendoli nell'olio d'oliva. Sono tra i legumi piu consumati nel mondo grazie al ricco apporto di fosforo, potassio, minerali, fibre e vitamina A e C.

Tante proprieta benefiche
Secondo una ricerca apparsa sulla rivista Annals of Nutrition and Metabolism, i ceci contrastano i livelli di "colesterolo cattivo" nel sangue assumendo un ruolo protettivo nei confronti del cuore. Altro pregio dei ceci e di essere tra gli alimenti che meno suscitano reazioni allergiche: non contengono il glutine e si rivelano quindi un alimento particolarmente indicato per tutte quelle persone affette da celiachia.

Secchi e lessati, ma non solo
I ceci sono messi in vendita sotto differenti forme: secchi da cuocere, lessati e conservati in barattoli o in vasetti di vetro insieme alla loro acqua di cottura, tostati e salati (ottimi compagni per sorseggiare un aperitivo) e sotto forma di farina con la quale si preparano focacce e farinate: famosa e la farinata di ceci ligure. Di sapore leggermente dolce, vicino a quello della castagna cotta, possiedono un alto valore energetico, un buon contenuto proteico e pochi grassi. Sono i legumi piu coltivati nel globo e occupano il terzo posto tra le leguminose piu mangiate e piu importate, dopo il fagiolo e il pisello. Al momento dell'acquisto, e meglio verificare che i ceci secchi non siano troppo vecchi (piu di un anno), e che non presentino fratture o fori.

Come si preparano
La preparazione dei ceci secchi e piuttosto lunga: vanno lasciati in ammollo dalle 8 alle 20 ore e poi cotti in un tegame per almeno 3 ore, meglio se a fuoco lento, o nella pentola a pressione da un'ora a un'ora e mezzo. I ceci in scatola, invece sono molto piu veloci da preparare, poiché non richiedono ammollo (in quanto gia lessati), e si cucinano molto velocemente. Ed ecco qualche consiglio: e opportuno salarli a fine cottura per evitare di indurirli e se prima di consumarli togliete loro la buccia trasparente che li ricopre, risultano piu leggeri. Un lavoro noioso che si puo accelerare strofinando i ceci con un canovaccio pulito. Per ogni 100 grammi di ceci si ha un apporto calorico pari a 320 calorie.

Varieta, coltivazioni e usi in cucina
I baccelli dei ceci vengono raccolti in giugno quando sono secchi. Di ceci se ne distinguono principalmente due varieta: mediterranea, piu grande e tendente al giallo; orientale, piu piccola e rossastra. In Italia vengono coltivati un po' in tutte le regioni, con prevalenza al Centro (Toscana, Umbria, Lazio) e al Sud (Sicilia, Puglia), ma non in grandissime quantita. In cucina si impiegano in moltissime ricette, come antipasti, per preparare zuppe e minestre, con il riso e con la pasta. Inoltre ci sono le ricette che possiamo preparare con la farina di ceci, tra le quali la celebre panissa ligure e la cecina toscana o le buonissime panelle siciliane.

Farina di ceci, elisir di bellezza
La farina di ceci e un rimedio veloce ed economico per tutte le donne che desiderano realizzare con le proprie mani un elisir di bellezza. Provate a mescolare due o tre cucchiai di farina di ceci, acqua tiepida e un cucchiaino di succo di limone, il tutto da applicare sulla pelle o sul viso; attendete una decina di minuti prima di risciacquare, specchiarsi e notare subito una pelle sana. Per combattere i segni della stanchezza e dello stress, invece, aggiungete alla farina di ceci un infuso di camomilla per un effetto lenitivo.

Le cicerchie aiutano la memoria
Parenti stretti dei ceci, anche le cicerchie hanno effetti benefici per il corpo. Contengono molto calcio per le ossa, e fosforo, al quale sono riconosciuti effetti positivi sulla memoria. Sono uniche per la loro forma, vagamente quadrangolare e molto irregolare, tanto che quasi non se ne trovano due uguali. Le cicerchie si consumano secche, dopo un periodo di ammollo superiore alle 24 ore; la cottura si protrae finché il prodotto risulta tenero. Ottimo contorno per secondi di pesce o carne, si utilizzano soprattutto per dare vita a zuppe e minestre. Marche, Molise, Umbria e Puglia hanno ottenuto dal Ministero delle Politiche Agricole il riconoscimento di prodotto agroalimentare tradizionale italiano. Dalle cicerchie essiccate e macinate si ottiene una farina chiamata "pataco" che puo essere usata per preparare polente, crespelle, focacce fritte o al forno

ENTRA IN

Tanti vantaggi per te!

Buoni sconto

Offerte su misura

Servizi esclusivi

Registrati